Password dimenticata? Registrati
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
  • default color
  • red color
  • green color
Area Utenti
lunedý
22
gen
Home
Uggioso clima d'Irlanda PDF Stampa E-mail
mercoledý 18 giugno 2008

ImageE' risaputo che in Irlanda piove molto.  Ma non tanto quanto si possa pensare. Anzi, piove esattamente come in molte zone d'Italia. Ma più spesso e in minore quantità. Vediamo il perché di questo strano clima irlandese.

 

Su Dublino tirava un vento umido e fresco da sud-ovest quel giovedì 16 giugno 1904 che James Joyce scelse per l’ambientazione del suo capolavoro Ulisse, che ha come teatro proprio la capitale irlandese. E non fu una scelta casuale.  Rispecchia esattamente  l’uggioso clima d’Irlanda.

Ma l’impressione che il clima locale sia molto piovoso deriva più che altro dalla grande frequenza con cui la pioggia si manifesta (circa 180 giorni all’anno su Dublino), ma non dalle quantità, circa 750 millimetri annui (praticamente come a Roma).
In sostanza, piove spesso ma non molto. E si tratta di una piovosità piuttosto uniforme durante l’anno, che solo da febbraio a luglio registra una leggera flessione.
La nebbia contribuisce al grigiore delle nuvole presentandosi in media 50 giorni all’anno, non di rado anche in estate (circa 5 giorni). Meno che in pianura padana.

Umido ma non freddo: la ragione è dovuta alla corrente del Golfo che lambisce le coste dell’isola regalando un clima clemente rispetto ad altri Paesi sulla stessa latitudine (Regno Unito, Olanda, Germania, Polonia).  La temperatura media annua registrata all’aeroporto di Dublino è di 9.6 gradi, appena un paio in meno che in pianura padana.

Inconsueti i temporali: solo 4 volte l’anno.  Il paesaggio locale mantiene il suo tipico verde grazie alla costanza delle precipitazioni, salvo i pochi giorni in cui è imbiancato dalla neve.  I fiocchi compaiono in circa 20 giorni tra novembre ed aprile.

L’escursione termica stagionale, come tutti i luoghi marittimi, è modesta: così come nei pomeriggi d’estate si superano a fatica i 20 gradi,  solo 5-6 volte tra dicembre e gennaio si va sotto lo zero di notte.  

Sembra strano a crederci ma il terreno irlandese è abbastanza battuto dai raggi solari:  tra un fronte nuvoloso ed un altro, si contano 1400 ore l’anno di sole. Se consideriamo tutte le volte che il sole splende almeno pochi minuti, i giorni di sole all’anno arrivano ad essere in  media circa 150-200.  A queste vanno aggiunte le ore del crespuscolo d’estate che, nei mesi da maggio ad agosto dura oltre le 10 di sera.

Uscendo con l’ombrello a Dublino avete il 50% di probabilità di non averlo portato inutilmente. Questo perché anche durante la giornata il tempo può cambiare drasticamente e passare dal cielo limpido alla pioggia, in qualsiasi periodo dell’anno. E’ la particolarità del cielo d’Irlanda, che ha ispirato scrittori e cantanti.

Fonte: MET Eirann
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 16 luglio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Advertisement